Omeopatia per bambini

L'omeopatia è una terapia di regolazione, progettata per aiutare le persone ad aiutare sé stesse.

I farmaci omeopatici producono gli stimoli migliori sull'organismo, al fine di attivare le forze naturali di autoguarigione del corpo. I neonati e bambini reagiscono particolarmente bene agli omeopatici, perché il loro organismo ha un'elevata capacità di autoregolarsi.

Cos'è l'omeopatia?

L'omeopatia è un metodo terapeutico di quasi 200 anni, risalente al medico tedesco Samuel Hahnemann (1755 – 1843). La parola omeopatia deriva dal greco e significa "sofferenza simile". Il principio di similitudine si basa sul fatto che lo stesso agente che in una persona sana provoca dei sintomi, in una persona malata può curare questi o simili sintomi. Invece di usare un agente che contrasta i sintomi della malattia, l'omeopatia vuole innescare stimoli di guarigione che permettono al corpo stesso di agire contro la malattia.

Un esempio:
La cipolla causa rinite, starnuti, bruciore agli occhi -> nell'omeopatia è usata contro la rinite e i raffreddori.

Come vengono prodotti i medicinali omeopatici?

Nella preparazione dei farmaci omeopatici, le materie prime del farmaco (es. la cipolla) vengono diluite gradualmente e dopo ogni fase di diluizione agitate o strofinate energicamente. Questa combinazione di diluizione e agitazione o strofinamento viene chiamata potenziamento. 

La parola potenziamento deriva dalla parola latina "potentia", che può essere tradotta come potere o efficacia: Potenza D1 significa che una stanza viene diluita e agitata da 1 a 10, la Potenza D2, che la potenza D1 sua volta è stata diluita e agitata da 1 a 10, e così via.

La Potenza C1 indica la diluizione e agitazione di una sostanza da 1 a 100, la C2 la diluizione e agitazione da 1 a 100 della C1, e così via.

Più un rimedio omeopatico viene potenziato, più forte sarà il suo effetto "energetico".

Solitamente le potenze più basse vengono somministrate più volte al giorno, quelle medie con meno frequenza e quelle molto alte spesso solo come dose singola.

Cos'è il "deterioramento iniziale"?

Somministrando un farmaco analogo alla malattia, i sintomi possono inizialmente amplificarsi, si può avere un cosiddetto deterioramento iniziale o reazione di guarigione. I sintomi del deterioramento iniziale sono visti come una misura difensiva dell'organismo contro la malattia.

Le reazioni di guarigione sono un segno della giusta scelta dell'agente. Si verificano di solito all'inizio del trattamento e segnalano l'inizio della guarigione. Le reazioni di guarigione sono per lo più così lievi che non si notano. Se tuttavia questa prima reazione persiste, è necessario consultare un medico.

L'applicazione di globuli omeopatici nei bambini

Lasciare sciogliere i globuli omeopatici sulla lingua del bambino. Per i neonati e i bambini piccoli, si può anche sciogliere i globuli in qualche goccia di acqua o tè e con un cucchiaio mettere la soluzione dietro le guance. 

Dai 15 ai 20 minuti prima e dopo la somministrazione il bambino non deve preferibilmente mangiare o bere.